Christian Stocchi

Ludus in fabula
Christian Stocchi
Analizzare il mondo contemporaneo, con i suoi vizi e le sue virtù, attraverso la cultura classica è l’esercizio di Christian Stocchi in questa rubrica. Dalle favole di Esopo al mito di Pompei un modo nuovo per capire che, in fondo, il mondo non cambia mai.

Cos'è un classico?

Sosteneva Calvino: “D'un classico ogni rilettura è una lettura di scoperta come la prima”. Anche perché “un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire”. Come, ad esempio, Achille e Ulisse, i due eroi dell’epica che attraversano i secoli perché, in fondo, al netto di ogni attualizzazione, sono essenzialmente specchio di noi stessi.

31-01-2018 | 15:34

A cosa serve la scuola?

A cosa serve la scuola? A preparare uomini o professionisti? E la filosofia? “Non serve a nulla perché non è serva di nessuno" (parola di Aristotele, o almeno così vuole la tradizione). La letteratura? Perfettamente inutile; al massimo, come sosteneva il Nobel Josif Brodskij, poeta esule russo, serve a salvare il ”volto non comune” di ciascuno. E la matematica? Analisi del tema a due settimana dalla prima campanella.

31-08-2015 | 11:52

Ulisse nel mar Baltico?

La guerra di Troia? I viaggi di Ulisse? Una saga ambientata nel mar Baltico, in zona artica. L’idea, a prima vista bizzarra, è figlia di una storia curiosa e, dopo vent’anni e non poche ironie e contestazioni, è presa talmente sul serio che vari studiosi la stanno valutando attentamente. L’ideatore e sostenitore tenace di questa proposta, non è un archeologo o un filologo classico; è un ingegnere. Si chiama Felice Vinci.

30-06-2016 | 09:54

L'eterna legge del più forte

Nel 1958 Banfield, dopo uno studio condotto in un piccolo centro dell’Italia meridionale, osservò il “familismo amorale” tipico dello Stivale. Semplificando: avvantaggio, con tutti i mezzi di cui posso disporre, me e la mia famiglia, perché tanto tutti fanno così. Insomma, saremmo un popolo fatto di piccole tribù l’un contro l’altre armate. Ecco, ancora una volta, rispuntare la legge del più forte.

26-10-2015 | 12:14

Se questo (Ulisse) è un uomo

Che cos’hanno in comune Omero, Orazio, Dante, Joyce, Levi, Tennyson, Pascoli, D’Annunzio, Saba, Pavese? Sono tutti autori che non hanno potuto fare a meno di confrontarsi con la figura di Ulisse, l’eroe versatile per definizione. Il guerriero più intelligente che ardimentoso, dalle molte astuzie, il viaggiatore per eccellenza, mai pago di cercare nuovi orizzonti, il bugiardo creativo, che talora mente senza motivo, come rilevano i versi omerici. L’uomo con le sue debolezze: umano, troppo umano nei suoi difetti.

03-10-2015 | 11:53

La Storia è una maestra di vita

Ha recentemente spiegato Umberto Eco che se Bush avesse letto dei buoni storici avrebbe capito perché, nell’Ottocento, inglesi e russi non erano riusciti a controllare e dominare l’Afghanistan. E non avrebbe commesso fatali errori, decretando operazioni militari senza prospettiva ed evitando inutili morti. Perché, come diceva Cicerone, la storia può rivelarsi una preziosa maestra di vita.

13-08-2015 | 01:58

L'orgoglio di Davide contro la forza di Golia

Nel 491 a.C. il Gran Re dei Persiani, Dario, inviò una nutrita pattuglia di ambasciatori ai Greci, chiedendo loro di diventare suoi sudditi. Atene e Sparta, senza nessun timore, uccisero gli ambasciatori persiani. Scoppiarono le due famose guerre Persiane, in cui due sole città sconfissero un esercito sterminato. Davide contro Golia. La storia, dunque, ci insegna a non sottovalutare l'orgoglio greco, pronto a tutto pur di non sottomettersi. Con il referendum di domenica, comunque vada, si scriverà una pagina importante della nostra Storia.

03-07-2015 | 12:02

Sogno o son desto? Si domandò il filosofo.

Raccontava un antico filosofo taoista Tchouang-Tseu (IV secolo a.C.) una storiella curiosa: un giorno sognò di essere una farfalla. Ma una volta destatosi, rimase perplesso e si chiese: era lui ad avere sognato una farfalla o era la farfalla che in quel momento stava sognando Tchouang-Tseu? Un esempio che ci porta a una domanda fondamentale: che cosa sono i sogni?

25-06-2015 | 00:11

A cosa serve il liceo classico?

Sempre più in basso nel gradimento degli studenti e delle famiglie. E del resto, che senso ha, nell’era digitale, una scuola, caso rarissimo nel mondo, in cui il greco antico è tuttora materia curricolare e obbligatoria, insieme ovviamente al latino? Non servirebbe ben altro per formare l’uomo moderno, mettendo al bando inutili nostalgie? Ecco una riflessione sull'attualità del liceo classico.

20-05-2015 | 16:33

Il male era inevitabilmente femmina

"Fra tutte le eresie, la più grande è quella di non credere nelle streghe e con esse nel patto diabolico e nel sabba". Così recita il Malleus Maleficarum (ossia Il martello delle streghe), una sorta di sistematico manuale sulla stregoneria, partorito nel Medioevo da menti ossessionate dal maligno. E soprattutto dalle donne.

12-05-2015 | 12:51

I segreti del nostro cervello

Prima metà del Novecento. Un giovane ufficiale tedesco, professore di latino e greco, viene ferito alla testa da un’arma da fuoco: il trauma investe il lobo frontale sinistro. Risultato? Non riesce più a parlare in tedesco. Ma è ancora in grado di esprimersi in latino. I medici e gli scienziati sono perplessi. E indagano questa vicenda.

20-04-2015 | 11:40

L'adultero sodomizzato con un pesce vorace

Nel mondo antico l’amante della moglie, se colto in flagrante, era oggetto della giustizia sommaria del marito tradito, che poteva sodomizzarlo con una radice piccante di rafano e con un mugile, pesce dotato di straordinaria voracità. Spaventati? Perché non avete letto gli altri supplizi atroci dell'antichità. Ecco l'elenco.

10-02-2015 | 16:21

Quanti segreti nel nostro cervello

Prima metà del Novecento. Un giovane ufficiale tedesco, professore di latino e greco, viene ferito alla testa da un’arma da fuoco: il trauma investe il lobo frontale sinistro. Risultato? Non riesce più a parlare in tedesco. Ma è ancora in grado di esprimersi in latino. I medici e gli scienziati sono perplessi. E indagano questa vicenda.

04-01-2015 | 12:08