Stile

Nodo Windsor, please.

Oggi Tommaso Pandolfo Fanchin ci insegna come fare correttamente il nodo Windsor alla cravatta. 

Abbasso i tovaglioli di carta, viva Huysmans

All’Harry’s Bar di Venezia per pagare la lavanderia Arrigo Cipriani spende, ogni anno, una cifra che potrebbe comprarci un appartamento o quasi, però tovaglie e tovaglioli sono sempre di lino, estate e inverno. E non di carta meschina come in molti altri bar. Perché, come insegnava Huysmans, Dio è nei dettagli.

20-06-2017 | 13:11

Bretelle sì, cintura no

Torna il dizionario dell'eleganza di Tommaso Pandolfo-Fanchin. Oggi parliamo di bretelle. Come, quando e perché idossarle.

La vera storia del cocktail Negroni

Firenze, anni 10 del ‘900, presso la drogheria e profumeria Casoni (poi Giacosa, dal 1932) di fronte al palazzo Rucellai Navone, s’arrabatta dietro al bancone il giovane Fosco Bruno Sabatino Scarselli, barman reduce dalle trincee della prima guerra mondiale. Cliente abituale del Caffè Casoni è il conte Camillo Negroni. E insieme inventeranno una leggenda.

31-05-2016 | 16:15

A passeggio col bastone

Oggi Tommaso Pandolfo-Fanchin ci racconta di un accessorio maschile sfortunatamente caduto un po' in disuso: il bastone. Invece è molto elegante. E se si incontra un fellone...

Sulle spalle il mio tabarro

Oggi Tommaso Pandolfo-Fanchin ci parla del tabarro. Che non è un mantello. Ma che ci protegge dal freddo inverno.

Elogio del tabarro

Scrivere oggi del tabarro, di quel mantello tipico della tradizione popolare, rimanda immediatamente a Giovannino Guareschi e a Guido Piovene, alle nebbiose atmosfere padane dai due magistralmente descritte, alle passeggiate in bicicletta o a piedi lungo gli argini del fiume; svaghi metafisici, spesso solitari, fra terra e acqua, dove l’umidità brumosa da elemento etereo si fa essenza predominate ed atmosfera avvolgente. Come lui, il tabarro.

19-11-2015 | 22:06

L'impermeabile contro la pioggia

Nei prossimi giorni è prevista la pioggia. Bisogna correre ai ripari con il giusto impermeabile. Tommaso Pandolfo-Fanchin ci mostra i migliori.

L'insostenibile leggerezza di Kyrgios

Roger Federer è un uomo elegante, elegantissimo, è svizzero, ha 34 anni ed è il tennista più vincente di ogni tempo. Nick Kyrgios è un uomo inelegante, sguaiato, è australiano, ha 20 anni e non ha ancora vinto niente. E il fatto che i giornali dedichino, per motivi diversi, a entrambi lo stesso spazio durante un torneo di tennis è cosa assai irritante. E lo è soprattutto perché il giovane australiano afferma oltremodo una tendenza tanto in voga adesso quanto odiata da noi elitisti: il balotellismo.

02-09-2015 | 12:22

Pagine