Bozzini

Indimenticabili, meravigliosi quadri

Che nostalgia del tempo che fu e che non abbiamo vissuto. Un tempo in cui l’arte parlava della vita, di amore e di morte, del divino e del profano, del corpo e dell’anima. Non era una meta turistica e parlava agli occhi, richiamando lo sguardo all’interno di una cornice o su una statua. Nuovo capitolo dell'abbecedario eretico.

22-05-2016 | 22:52

Nell'arte ci vuole occhio

L’occhio è il centro, il nucleo, il tema fondamentale di qualunque discorso sull’arte. Ma, dopo secoli di analisi e ricerche, dalla fisiologia alle neuroscienze e dall’estetica alla psicologia, è ancora impossibile, senza correre il rischio di apparire ridicoli, dirne alcunché di compiuto e certo, marcato in modo inequivocabile dai caratteri della verità. Quello che segue è appunto un elenco di note, tracce e osservazioni sparse sul cammino della riflessione nel suo incedere dubbioso. Dall'abbecederario eretico di Didi Bozzini.

02-05-2016 | 09:19

In un mare di m...

Dall'opera più famosa di Piero Manzoni fino a un museo a lei dedicato: il prodotto della nostra routine fisiologica è spesso al centro della ricerca artistica. E anche della nuova puntata dell'abbecedario eretico di Didi Bozzini. Che si sofferma anche sul valore di una parolina molto importante: no.

18-04-2016 | 09:09

Quando muoiono gli eroi

Un anno fa ci lasciava David Bowie. Resterà nei cuori e nelle menti di chi lo ha amato come l’immagine del potere liberatorio della fantasia, vale a dire della fantasia al potere. E' stato un artista unico, completo e multiforme. Cantante, compositore, pittore, scenografo, costumista, attore, scrittore. Ma, sopra e prima di tutto, interprete delle aspirazioni utopiche di tutta una generazione.

13-01-2016 | 22:49

Contro il politicamente corretto

Il “politicamente corretto” è in realtà il riflesso ideale, cioè l’immagine rovesciata, di quel mostro senza testa che tutto produce e tutto mangia, il consumismo giunto all’apice delle sue possibilità. E come tale, tende subdolamente a recuperare tutti e ognuno per il grande sabba del Mercato. È così che intere moltitudini si sono assuefatte alle litanie piagnucolose di famosi artisti che si ribellano alla fame nel mondo, mentre fanno colazione al Waldorf Astoria.

30-12-2015 | 18:24

Pagine