Letteratura

L'eterna legge del più forte

Nel 1958 Banfield, dopo uno studio condotto in un piccolo centro dell’Italia meridionale, osservò il “familismo amorale” tipico dello Stivale. Semplificando: avvantaggio, con tutti i mezzi di cui posso disporre, me e la mia famiglia, perché tanto tutti fanno così. Insomma, saremmo un popolo fatto di piccole tribù l’un contro l’altre armate. Ecco, ancora una volta, rispuntare la legge del più forte.

26-10-2015 | 12:14

Se questo (Ulisse) è un uomo

Che cos’hanno in comune Omero, Orazio, Dante, Joyce, Levi, Tennyson, Pascoli, D’Annunzio, Saba, Pavese? Sono tutti autori che non hanno potuto fare a meno di confrontarsi con la figura di Ulisse, l’eroe versatile per definizione. Il guerriero più intelligente che ardimentoso, dalle molte astuzie, il viaggiatore per eccellenza, mai pago di cercare nuovi orizzonti, il bugiardo creativo, che talora mente senza motivo, come rilevano i versi omerici. L’uomo con le sue debolezze: umano, troppo umano nei suoi difetti.

03-10-2015 | 11:53

Pagine