Letteratura

La vera storia del ragazzo selvaggio

Corre l’anno 1799: si chiama Victor. Ma non è consapevole di avere questo nome. Anzi non ha mai avuto il privilegio di un nome. Vive selvaggio. Da sempre. Attraversa da anni le campagne dell’Aveyron. Perché è stato abbandonato da piccolo. Chissà dove e chissà quando. Emette versi strani, più simili a quelli delle fiere che alla voce dell’uomo. Una storia singolare che ha ispirato anche un capolavoro di Truffaut.

29-08-2014 | 14:54

Cento romanzi in un solo libro

Giorgio Manganelli era uno scrittore che amava il buon vino e la buona cucina. Ha scritto un libro, "Centuria - cento piccoli romanzi fiume" (Adelphi), che contiene, appunto, cento romanzi. Non storie brevi, veri romanzi.

Uno su un milione ce la fa

Ultima puntata della rubrica di Gianrico Carofiglio "Cosa non fare per diventare scrittore". Se evitate tutte le cose elencate nelle puntate forse avrete una possibilità di diventare scrittori. Ma nessuna certezza.

La cena in cui Socrate parlò di Amore

Questa storia ha 2430 anni, infatti è ambientata nel 416 a.C e ce la racconta Platone. A casa del poeta Agatone si ritrovano alcuni amici: tra gli altri ci sono il commediografo Aristofane e il filosofo Socrate. Parlano di Eros, il dio dell'amore. Ognuno dice la sua, le opinioni sono differenti. Fino a quando Socrate prende la parola e racconta una favola che sorprende tutti.

04-08-2014 | 18:52

Nostra signora Medea

Per Euripide il successo arrivò solo post mortem. Cosa che capita spesso quando un artista spezza le tradizioni e sovverte i canoni consolidati. Decise di non trattare il rapporto tra uomini e dei come fece Eschilio, né quello tra l'uomo e il suo destino come fece Sofocle. Lui decise di trattare il libero arbitrio e la solitudine degli uomini. E creò un personaggio immortale come Medea.

23-07-2014 | 11:09

Pagine